Questo sito contribuisce alla audience di

riabilitazione (medicina)

rieducazione dell'attività produttiva di individui già fisicamente o psichicamente traumatizzati, detta anche riadattamento. La riabilitazione cerca di sfruttare al massimo le risorse e le funzioni residue dell'invalido per reinserirlo sia psichicamente sia socialmente nell'ambiente. In tal modo si propone di restituire all'invalido equilibrio e autosufficienza mediante addestramento a un'attività professionale adatta alle sue nuove possibilità. La riabilitazione comprende numerose procedure orientate che rivestono grande importanza in alcuni settori della medicina. La riabilitazione respiratoria si basa su un trattamento di fisiochinesiterapia che potenzia e coordina la muscolatura respiratoria (diaframma, muscoli intercostali), associata a terapie areosoliche, all'impiego di respiratori automatici e, in ogni caso, all'allenamento graduale all'esercizio fisico, indispensabile per migliorare la ventilazione e la circostanza polmonari. La riabilitazione ortopedica comprende varie tecniche manuali (massaggi, cinesiterapia) e strumentali, come la termoterapia, la magnetoterapia e l'ultrasuonoterapia, oltre a particolari programmi di attività fisica che utilizzano il nuoto e la ginnastica. La riabilitazione cardiologica si è resa necessaria negli ultimi anni in seguito all'aumento dell'incidenza delle malattie cardiovascolari, soprattutto di tipo ischemico (infarto) e all'introduzione di tecniche chirurgiche nuove (by-pass aorto-coronarico) che hanno bisogno di lunghi periodi di recupero funzionale. Il programma di riabilitazione cardiologica prevede il monitoraggio continuo della funzione cardiaca e dello stato generale nei giorni seguenti l'episodio ischemico e il recupero graduale dell'attività fisica, che va iniziato piuttosto precocemente per evitare le complicanze legate a un prolungato riposo a letto. Un particolare tipo di riabilitazione è quella cui va sottoposto l'individuo con paralisi, emiplegico o paraplegico, che comprende sia il recupero motorio degli arti paralizzati sia quello di alcune funzioni vegetative (vescicale, intestinale, sessuale). Una riabilitazione psichiatrica si rende necessaria in tutti i casi di più o meno evidente disagio psichico, attraverso tecniche psicoanalitiche e psicoterapiche di vario orientamento.