Questo sito contribuisce alla audience di

ribāt

sm. arabo (dalla radice rabaṭa, legare, attaccare). Nome dato ai conventi fortificati musulmani costruiti nei luoghi più esposti delle frontiere islamiche, dove si riunivano i combattenti della “guerra santa” per la difesa e l'estensione dei domini dell'Islam per mezzo delle armi. I ribāt furono assai diffusi, tra il sec. VIII e il XIV, in Transoxiana, lungo le coste palestinesi, spagnole e maghrebine, e soprattutto in Tunisia, dove a Sousse e Monastir se ne conservano ancora dei begli esemplari. Essi erano per lo più dei fortini quadrati, con torri rotonde angolari e mediane e una massiccia torre d'avvistamento. All'interno, oltre alle celle dei monaci guerrieri, vi era la sala di riunione e di preghiera, spesso cupolata e provvista di miḥrāb.

Media


Non sono presenti media correlati