Questo sito contribuisce alla audience di

ricognizióne (elettronica)

(detta anche ELINT, Electronic INTelligence) sistema preposto a effettuare la raccolta dei dati relativi ai radar e a tutte le radiazioni elettromagnetiche di apparecchiature come telemetri, radiofari, interrogatori elettronici per identificazione amico o nemico (IFF), sistemi di tracciamento, puntamento e spolettamento, dispositivi di collegamento video data link ecc.; è l'unico mezzo atto ad assicurare il supporto informativo di qualsiasi operazione offensiva nell'ambito delle onde elettromagnetiche, insostituibile per sperimentare e impiegare nuove ECCM (Electronic Counter-Counter Measure, contro-contromisura elettronica). La ricognizione elettronica ha acquisito un ruolo sempre più importante in seguito alla continua crescita del numero di radar e di altre emittenti elettroniche, con caratteristiche sempre più sofisticate, tanto che oggi le funzioni dell'ELINT si estendono alla sorveglianza del campo di battaglia, alla determinazione del lancio dei missili balistici e allo studio della capacità produttiva e del potenziale industriale avversario. Per approntare efficaci contromisure elettroniche è essenziale una precisa conoscenza dei sistemi elettronici dell'avversario. A tal fine il primo obiettivo consiste nell'intercettazione e nello studio delle onde elettromagnetiche emesse dagli apparati elettronici ostili. Segue poi l'analisi dei dati raccolti al fine di desumere ulteriori notizie sulle caratteristiche tecniche dell'apparato trasmittente; infine, le informazioni ottenute vengono messe a confronto con altre, fornite da fonti diverse, per avere un quadro più completo possibile dell'emittente. Bisogna, però, considerare che l'esecuzione di queste operazioni, di per sé relativamente semplici, viene ostacolata dalla necessità di scovare le informazioni che interessano nell'enorme quantità di segnali captati dagli apparati riceventi; la validità della selezione è legata alla selettività e sensibilità dei ricevitori ELINT, nonché alla loro manutenzione e calibrazione. Concettualmente, un ricevitore ELINT è simile a una radio domestica, ma, inoltre, è in grado di svolgere funzioni di analisi, di registrazione e di localizzazione delle emittenti. Oltre agli apparati gestiti da operatori specializzati ne esistono di automatici o semiautomatici, controllati da calcolatori. I ricevitori ELINT possono essere a supereterodina (a banda larga o stretta, a scansione, Microscan Compressive), IFM (Instantaneous Frequency Measurement) ossia in grado di misurare istantaneamente la frequenza del segnale, canalizzati (channelized), una combinazione di supereterodina a larga banda e IFM e, infine, di tipo ottico-acustico.