Questo sito contribuisce alla audience di

risórsa

Guarda l'indice

Lessico

Sf. [sec. XIX; dal francese ressource, da ressoudre, dal latino resurgĕre, risorgere]. Espediente, trovata, mezzo a cui si ricorre per liberarsi da difficoltà o impacci; spesso indica i mezzi finanziari o le capacità spirituali: oltre allo stipendio non ha altre risorse; le risorse dell'ingegno, dell'esperienza; nella loc.: persona di molte risorse, abile nel cavarsi d'impaccio in ogni situazione. Per estensione, fonte di ricchezze: le risorse minerarie di una nazione. In particolare, in economia, il complesso dei fattori produttivi (in particolare per risorse naturali, vedi terra). Essendo tali risorse scarse in rapporto ai bisogni, è fra i fondamentali problemi della scienza economica quello della loro allocazione, cioè della loro distribuzione più efficiente (che assicuri il massimo benessere) fra i possibili usi alternativi. Nella terminologia della contabilità nazionale le risorse disponibili di un sistema economico sono costituite dal reddito nazionale lordo e dalle importazioni di beni e servizi. Se da esse si sottraggono le esportazioni si ottiene un aggregato denominato risorse disponibili sul mercato interno.

Ecologia

Tutto quanto presente in natura, aria, acqua, elementi inorganici, materiali organici, fauna, flora, ecosistemi, energia solare, ecc. costituisce potenziale risorsa a sostegno del funzionamento, dello sviluppo e dell'evoluzione del sistema ambientale terrestre. È importante notare come tale sistema nel corso della sua storia (qualche miliardo di anni) sia stato in grado di svilupparsi in modo da accrescere la varietà e la disponibilità delle risorse, realizzando una sempre maggiore complessità di organizzazione, accumulo e distribuzione di queste. Infatti, all'inizio della storia della Terra erano presenti solo sostanze minerali ed energia solare. In seguito si è avuta la formazione di altre importanti risorse come l'aria atmosferica, i mari e le acque continentali. Con lo sviluppo delle forme di vita, vegetali e animali, prima nel mare poi sulla terraferma, ha preso avvio su quest'ultima la formazione del suolo, risorsa fondamentale per lo sviluppo delle specie e l'accrescimento di nuove ulteriori risorse (idrocarburi, combustibili fossili). Le formazioni geologiche hanno avuto contributi consistenti per l'accrescimento delle loro risorse con l'accumulo (sui fondi marini) degli organismi morti e con la formazione di rocce sedimentarie, successivamente in parte emerse. La disponibilità e la qualità delle risorse costituiscono condizione essenziale per il sostentamento di tutte le forme di vita vegetale e animale secondo un complesso sistema di equilibri fra utilizzazione, produzione e accumulo. Sulla disponibilità e qualità delle risorse naturali anche l'uomo ha fondato il proprio sviluppo socio-economico, ma accrescendo in modo eccezionale la capacità di utilizzarle e di modificarle in tempi molto brevi, specie se confrontati con i tempi di crescita delle risorse naturali. Molte di esse infatti sono disponibili in quantità "limitate" (per questo vengono dette "non rinnovabili") e, una volta esaurite, per averle nuovamente a disposizione dovranno trascorrere intere ere geologiche. (da migliaia di anni per il suolo, a milioni di anni per le rocce sedimentarie). Da ciò consegue il duplice rischio per la società umana di provocare la riduzione della disponibilità e l'alterazione della qualità delle risorse naturali necessarie alla sopravvivenza di molte specie vegetali e animali e dell'uomo. È, pertanto, necessario e urgente individuare sistemi di consumo e di sviluppo diversi, che possano essere sostenuti dal sistema delle risorse naturali secondo i suoi ritmi e i suoi tempi. Tale obiettivo, definito come sviluppo sostenibile, potrebbe essere conseguito se le attività umane fossero strutturate secondo schemi a ciclo chiuso, in modo da utilizzare soltanto quantitativi limitati di risorse, prevenendo la modifica della qualità delle risorse di base (aria, acqua, suolo, vegetazione, fauna), attraverso l'applicazione puntuale dei criteri derivanti dall'individuazione della ricettività ambientale.