Questo sito contribuisce alla audience di

saltatóre

agg. e sm. (f. -trice) [da saltare].

1) Che, chi salta: cavallo saltatore; in particolare, atleta specializzato nel salto, sia nell'atletica leggera, sia nello sci, sia negli spettacoli circensi. § Negli spettacoli circensi, acrobati la cui specialità consiste nell'eseguire salti velocissimi, i flip-flap, mezzi salti mortali in cui il saltatore raggiunge in crescendo una velocità vertiginosa, e i salti mortali, chiamati cassecou se effettuati in avanti e arabi se di fianco. All'inizio del secolo erano in auge i salti alla battuta: questa consisteva in una lunga serie di tavole (ca. 20 m) poste in discesa che alla fine si alzavano bruscamente terminando con una sbarra elastica il cui effetto, combinato con quello della corsa, dava al saltatore la possibilità di compiere autentici voli su gruppi di persone o animali.

2) Pesce (Elops saurus) della famiglia degli Elopidi, lungo sino a 90 cm e dalla colorazione argentea; la pinna caudale è divisa in due lobi. È diffuso particolarmente lungo le coste tropicali dell'Atlantico. Nella bella stagione si spinge nelle acque salmastre e nelle foci dei fiumi.

3) Al pl., sinonimo di Salienti e di Ortotteri.