Questo sito contribuisce alla audience di

scientìsmo

sm. [sec. XX; dal francese scientisme, da science, scienza]. Tendenza, sviluppatasi soprattutto in Francia dopo la metà del sec. XIX, secondo cui la scienza, intesa sotto il modello del meccanicismo e determinismo più rigorosi, ha facoltà di spiegare ogni possibile fenomeno e riassume in sé l'intero sapere umano. Scientisti materialisti e positivisti come K. Vogt, J. Moleschott, P. Büchner, E. H. Haeckel dominavano la scena; Vogt asseriva che “il pensiero sta al cervello come la bile sta al fegato”; Haeckel propugnava la teoria evoluzionistica, che egli riteneva assolutamente sostitutiva del mito della creazione per diretto intervento di Dio. Allo scientismo fornirono strumenti gnoseologici A. Comte, E. Littré, Le Dantec. Le posizioni ideologiche degli scientisti furono più tardi criticate da scienziati-epistemologi come E. Mach, J. H. Poincaré e P. M. Duhem.

Media


Non sono presenti media correlati