Questo sito contribuisce alla audience di

segnatùra

sf. [sec. XIV; da segnare].

1) Atto ed effetto del segnare: la segnatura dei punti. In particolare, la notazione apposta a ogni fascicolo di un libro per consentirne la collocazione nella successione esatta; nel manoscritto antico la sua forma tipica è quella del richiamo. Nei primi secoli della stampa la segnatura è comunemente una sigla costituita da una lettera dell'alfabeto (designante il gruppo di fogli raccolti in un fascicolo) e dal numero d'ordine della carta nel fascicolo. Nel libro moderno è l'indicazione costituita da un numero progressivo stampato al piede di ogni foglio che, piegato, formerà un fascicolo. Questa segnatura è detta semplice, mentre quella ragionata comprende anche il nome dell'autore e il titolo dell'opera. Per estensione, il foglio stesso stampato, che opportunamente piegato e unito ad altri, forma il volume: un libro di venti segnature.

2) Anticamente, firma. Nella Curia romana, firma di un documento di grazia e giustizia da parte del papa; il documento stesso recante la firma autografa del papa. Il tribunale più importante della Curia è il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Media


Non sono presenti media correlati