Questo sito contribuisce alla audience di

spamming

s.inglese (da Spam, una marca di carne in scatola) usato in italiano come sm. In informatica, si riferisce alla possibilità di inviare contemporaneamente in Internet una stessa e-mail indesiderata (generalmente commerciale) a migliaia di persone. I messaggi pubblicitari di spamming variano da normali offerte commerciali a proposte di vendita di tecnologie illegali tra cui software pirata, materiali vietati come farmaci senza prescrizione medica o riviste pornografiche, illeciti progetti finanziari. Gli spammer inviano messaggi identici o personalizzati a numerosi indirizzi di e-mail. Questi indirizzi sono spesso raccolti in maniera automatica dalla rete tramite specifici programmi, oppure indovinati con l'uso di liste di nomi comuni, o ottenuti da data base. Lo spamming è considerato inaccettabile dagli ISP (Internet Service Provider) che vi si oppongono anche per i costi del traffico generato dall'invio indiscriminato, e dalla maggior parte degli utenti di Internet. I termini UCE (Unsolicited Commercial Email), e-mail commerciale non richiesta e UBE (Unsolicited Bulk Email), email non richiesta in grandi quantità, sono usati per indicare i messaggi e-mail di spamming. Esistono servizi e software, chiamati antispam, che i server e-mail e gli utenti possono usare per ridurre il carico di spamming sui loro sistemi e caselle di posta. Alcuni di questi rifiutano messaggi provenienti dai server conosciuti come spammer (bloccaggio). Altri analizzano automaticamente il contenuto dei messaggi e-mail ed eliminano o spostano in una cartella speciale quelli che somigliano a spamming (filtraggio). Nel secolo XXI sono presi di mira dallo spamming anche altri mezzi di comunicazione della rete, soprattutto i siti web che utilizzano il sistema wiki, per esempio Wikipedia, il sistema di messaggistica istantanea (instant messaging) e i blog. Oltre a violare la e a saturare la rete, lo spamming in Italia trasgredisce la legge 675/96 sulla privacy. La materia italiana riguardante l'invio di posta elettronica a scopo commerciale è disciplinata dall'articolo 130 Codice Privacy. Questo permette di utilizzare i dati personali esclusivamente dopo il consenso del soggetto interessato. Viene anche vietato l'invio di notizie e messaggi pubblicitari per ricerche di mercato o vendite dirette in cui non si fornisca il mittente o un recapito a cui rivolgersi, per eventuali rimostranze. Il decreto legislativo del 9 aprile 2003, n. 70 stabilisce norme riguardanti il commercio elettronico: le informazioni commerciali non richieste devono includere una nota in cui si stabilisca che il destinatario possa scegliere per il futuro di opporsi a questi messaggi.

Media


Non sono presenti media correlati