Questo sito contribuisce alla audience di

statocisti

sf. [sec. XIX; da stato-+greco kýstis, sacca, vescica]. Organo di senso statico proprio di moltissimi Invertebrati a vita libera (per esempio Celenterati, Ctenofori, Platelminti, Crostacei ecc.). In tutto il regno animale le statocisti hanno struttura e funzionamento alquanto omogenei: constano infatti di una vescicola, talvolta comunicante con l'ambiente esterno, nella quale una o più concrezioni saline organiche o inorganiche (statoliti) gravano su particolari elementi sensori (in genere ciglia) collegati al sistema nervoso. Poiché gli statocisti gravano sulle ciglia sensorie sempre in direzione verticale, con il variare della posizione dell'animale variano anche le ciglia da essi stimolate. La stimolazione delle ciglia sensorie dà all'animale, per così dire, il senso della propria posizione, in base al quale l'animale eventualmente si muove per riassumere la posizione più favorevole.