Questo sito contribuisce alla audience di

superfìcie (diritto)

Guarda l'indice

Generalità

Diritto reale comportante la piena ed esclusiva disponibilità di un edificio su fondo altrui. La configurazione dell'istituto, che rappresenta un'eccezione al principio superficies solo cedit (la superficie segue il destino del suolo), si precisa in età postclassica, anche se sono rilevabili precedenti già in età repubblicana. Il punto di partenza è probabilmente costituito da concessioni di suolo pubblico per costruzione di tabernae. Nel caso di concessioni su suolo privato, il rapporto fra le parti era considerato di carattere personale, un vincolo obbligatorio, che veniva di volta in volta riportato a una compravendita o a una locazione (affitto del fondo contro corrispettivo di un solarium). In base a tale configurazione il rapporto poteva trasmettersi per via successoria e non per atto inter vivos, se non ricorrendo a particolari artifici. La tutela del superficiario fu dapprima soltanto pretoria, mediante interdetti; soltanto nel diritto giustinianeo essa si realizzò mediante la concessione di un'.

Diritto di superficie

Nel diritto moderno, la costruzione diviene di proprietà di colui che ha il diritto di superficie, in deroga al diritto di accessione. Il proprietario può anche alienare la propria costruzione esistente sopra il proprio suolo mantenendo la proprietà del suolo. Il diritto di superficie può essere costituito a tempo determinato o indeterminato. Se è a tempo determinato, alla scadenza il proprietario del suolo diviene anche proprietario della costruzione. Il diritto di superficie può essere impiegato anche per costruzioni sotto il suolo. Non può invece avere a oggetto “piantagioni”. Queste sono di proprietà del proprietario del suolo e non ne può essere trasferita o costituita la proprietà “separatamente dalla proprietà del suolo”. Questo istituto del diritto di superficie appare l'obiettivo di alcune leggi urbanistiche, dove il diritto di proprietà viene distinto dal diritto di superficie, specie in riferimento a suoli che vengono espropriati per consentire la costruzione di case di tipo economico.