Questo sito contribuisce alla audience di

tracòma

sm. [sec. XIX; dal greco tráchōma-atos, da trachýs, aspro]. Malattia infiammatoria della congiuntiva e della cornea causata da Chlamydia tracomatis. Il tracoma è caratterizzato essenzialmente da un'infiltrazione infiammatoria, che ha sede principale nella congiuntiva, con la formazione di papille e di follicoli o granuli e guarisce mediante processi cicatriziali, che quando sono estesi determinano il raggrinzamento della mucosa; spesso la cornea partecipa al processo formando il cosiddetto panno tracomatoso, dato da infiltrazionee vascolarizzazione superficiale nei due quadranti superiori, che puòulcerarsi oppure dare luogo a opacitàpermanente. I follicoli tracomatosi non di rado dominano il quadro della malattia (tracoma follicolare) e nella loro evoluzione degenerano in masse gelatinose che poi scompaiono per invasione di connettivo giovane e vengono sostituite da tessuto cicatriziale retrattile; così l'infiltrazione tracomatosa viene gradualmente trasformata in connettivo fibroso che retraendosi provoca la trichiasi, l'entropion, il simblefaron e, quando è molto esteso, lo xeroftalmo. Il panno corneale è dato da infiltrazione e vascolarizzazione superficiale della cornea nei due quadranti superiori; può ulcerarsi oppure dare luogo a opacità permanente. Il quadro clinico e il decorso sono caratterizzati dalla sequenza delle diverse fasi istopatologiche descritte: si osserva così una prima fase (tracoma iniziale) nella quale la congiuntiva presenta un colorito normale e soltanto nella parte tarsale superiore si notano pochi e piccoli noduletti bianco giallastri, con assenza di sintomi soggettivi; una seconda fase (tracoma florido) caratterizzata da iperemia congiuntivale tarsale, ipertrofia papillare, noduli più voluminosi e più numerosi e secrezione con disturbi soggettivi costituiti da fotofobia, dolenza e peso palpebrale; una terza fase (tracoma precicatriziale) nella quale si osserva entropion, iperemia congiuntivale tarsale superiore, ipertrofia papillare, scarsi noduli, presenza di strie cicatriziali biancastre ramificate, mentre soggettivamente si ha fotofobia e sensazione di corpo estraneo; infine nella quarta fase (tracoma evoluto) si riscontra la scomparsa dei fatti flogistici, mentre nella congiuntiva tarsale superiore permangono solo cicatrici, in assenza di disturbi soggettivi.

Media


Non sono presenti media correlati