Questo sito contribuisce alla audience di

trade union

loc. inglese (da trade, mestiere, e union, associazione; pl. trade unions) usata in italiano come sf. In Inghilterra, il sindacato dei lavoratori. Le trade union hanno la loro origine nelle associazioni operaie e artigiane costituitesi nel corso del sec. XVIII. Tollerate sino alla fine del secolo, nel 1799 e 1800 caddero sotto i rigori dei Combination Acts che vedevano nelle unioni (combinations) operaie dei centri potenzialmente rivoluzionari. L'abolizione di queste leggi repressive (1824) diede un vigoroso impulso all'associazionismo operaio, tanto che nel 1833 R. Owen poté costituire il Grand National Consolidated Trade Unions. Tuttavia il diritto di associazione venne riconosciuto pienamente solo con le leggi del 1871-75 (rese definitive nel 1906 dal Trade Disputes Act). Nelle elezioni del 1874 portarono alla Camera quattro deputati, mentre, anche per il diffondersi del marxismo, il numero degli iscritti continuò a crescere rapidamente (4 milioni nel 1913; 8 milioni nel 1920). Una certa involuzione si ebbe a cominciare dal 1926, in particolare quando un altro Trade Disputes Act (1927) pose serie limitazioni alle vertenze sindacali, ma un nuovo impulso alle trade union si ebbe dopo la grande crisi economica (1929-33), favorito anche dall'avvento al potere dei governi laburisti. L'apogeo delle trade union si ebbe negli anni dal 1960 al 1980, quando il numero degli iscritti toccò i 12 milioni. Ma la crisi economica del 1980-83 ha radicalmente mutato il quadro sociale del Regno Unito. La chiusura di centinaia di imprese e lo spostamento del potere economico dalle industrie ai servizi hanno fatto cadere il numero degli iscritti al di sotto dei 10 milioni e gettato le trade union in una crisi senza precedenti. La sinistra militante ha perso terreno ed è emersa una nuova leadership moderata (congresso di Blackpool, 1983), decisa ad allentare gli storici legami col Partito laburista.

Bibliografia

F. Engels, La situazione della classe operaia in Inghilterra, Roma, 1955; M. Beer, Storia del socialismo britannico, Firenze, 1963; E. P. Thompson, Rivoluzione industriale e classe operaia in Inghilterra, Milano, 1969; H. Pelling, Storia del sindacalismo inglese, Milano, 1972.

Media


Non sono presenti media correlati