Questo sito contribuisce alla audience di

transètto

sm. [sec. XVI; da trans-+latino saeptum, chiusura, recinto, sul modello dell'inglese transept]. Nelle chiese a pianta longitudinale, la navata minore che incrocia perpendicolarmente la navata principale, l'abside e il coro (perciò detta anche navata trasversale). Già presente nelle primitive basiliche, il transetto trovò la sua forma definitiva nel periodo romanico e assunse importanza soprattutto nelle chiese monastiche e nelle cattedrali, formando all'incrocio con la navata principale una grande volta a crociera, trasformata poi in cupola. Ancora presente in alcune chiese rinascimentali (S. Lorenzo a Firenze), venne scomparendo in quelle barocche.

Media


Non sono presenti media correlati