Questo sito contribuisce alla audience di

transitìvo

agg. [sec. XVII; dal latino tardo transitīvus, da transīre, passare].

1) In grammatica, dei verbi che esprimono un'azione che passa (cioè transita) dal soggetto al complemento oggetto. Per i verbi che vengono usati transitivamente o intransitivamente con significato diverso, v. intransitivo.

2) In filosofia, causa transitiva, quella che determina un'azione destinata a un soggetto diverso dall'agente.

3) In matematica, proprietà transitiva è la proprietà di una relazione tra coppie di elementi di un insieme, per cui, se gli elementi x e y stanno tra loro in una data relazione, allora anche x e z stanno in quella relazione.

Media


Non sono presenti media correlati