Questo sito contribuisce alla audience di

vèdico

agg. (pl. m. -ci). Proprio dei Veda: inni vedici. Come sm., la lingua usata nei Veda. § Unico documento del vedico sono i quattro Veda, e soprattutto il Ṛgveda le cui parti più antiche risalgono alla seconda metà del secondo millennio a. C. Questa lingua ha come base un dialetto nordoccidentale, ma si è costituita come lingua letteraria e religiosa, diffusa in tutta l'India, con l'apporto anche di altri dialetti. Presenta un aspetto notevolmente arcaico e molte affinità coi testi più antichi della tradizione iranica (specialmente con l'avestico delle Gāthā), chiaro riflesso dell'originaria unità linguistica aria. Si distingue dal sanscrito classico per: la conservazione dell'accento musicale e libero indeuropeo, la presenza delle consonanti liquide cerebrali ḷ ḷh, nella flessione nominale una maggiore ricchezza e varietà di forme, nella flessione verbale l'uso facoltativo dell'aumento, la presenza del congiuntivo, una grande molteplicità di forme per l'infinito, una maggiore varietà di forme anche per l'aoristo ecc.

Media


Non sono presenti media correlati