Questo sito contribuisce alla audience di

vettóre molecolare

porzione di DNA presente in una cellula, a cui si fanno legare frammenti di DNA estraneo perché possa venir incluso nel genoma e replicarsi insieme alla cellula ospite, inducendo la produzione della proteina per cui il frammento codifica. Si tratta in genere di plasmidi, fagi o virus animali. Le caratteristiche necessarie perché possano essere usati come vettori molecolari sono: piccole dimensioni, presenza di sequenze atte a legare le molecole che portano il gene da clonare, capacità di sfuggire alla degradazione intracellulare, presenza di uno o più promotori. Il veicolo più efficace per inserire DNA all'interno delle cellule bersaglio è sicuramente rappresentato dai virus. Queste particelle sono, infatti, naturalmente in grado di penetrare all'interno delle cellule e di far funzionare il loro patrimonio genetico, “dirottando” la trascrizione e la traduzione verso il proprio materiale genetico. Con le tecniche di ingegneria genetica è possibile aggiungere al DNA del virus il gene che si vuole trasferire: il materiale genetico virale viene modificato dall'inserimento del gene che si vuole introdurre nelle cellule bersaglio e privato invece dei geni che ne determinano la virulenza. Il virus, infettando la cellula bersaglio, porterà con sé una o più copie del gene desiderato ma non arrecherà danni; inoltre, per evitare una propagazione incontrollata del virus nelle cellule dell'organismo ricevente, il materiale genetico virale viene anche privato della capacità di replicarsi: tale costrutto viene definito come un virus senza geni virali. I retrovirus hanno per loro natura la capacità di integrare il loro DNA all'interno dei cromosomi delle cellule bersaglio. Quindi, il gene verrà inserito stabilmente nei cromosomi della cellula infettata e potrà essere trasmesso a tutte le cellule figlie. I limiti legati all'uso di vettori molecolari retrovirali sono dovuti al fatto che tali virus infettano solo cellule che stanno proliferando, e l'integrazione stabile del gene nei cromosomi della cellula bersaglio comportano rischi di trasformazione neoplastica. I vettori molecolari adenovirali non integrano il materiale genetico trasportato nei cromosomi della cellula ospite, possono trasportare geni di grosse dimensioni, ma la loro espressione non dura nel tempo.

Media


Non sono presenti media correlati