Questo sito contribuisce alla audience di

videoconferènza

sf. Tipo di comunicazione utilizzata per mettere in contatto video e audio contemporaneamente diversi utenti collegati tra loro attraverso reti di telecomunicazione. La videoconferenza è possibile solo se gli utenti dispongono dello stesso sistema di ricetrasmissione, anche se dislocati geograficamente in posti molto distanti tra loro; si svolge tra due o più sedi che dispongono di apparati video per le riprese televisive, di monitor e opportune apparecchiature elettroniche di controllo e di regia. Le immagini complete di audio vengono inviate da una delle sedi in via telematica alle altre sedi collegate. Nelle sedi riceventi, il pubblico presente in sala vede sui monitor e ascolta tramite altoparlanti ciò che proviene dalla sede trasmittente. Nel caso in cui in una sede si decidesse di prendere la parola, si può intervenire con le apparecchiature di controllo per prendere possesso del canale di trasmissione. Oltre alle immagini riprese in tempo reale, in una videoconferenza si possono trasmettere anche immagini che vengono riprodotte tramite apparecchi come videoregistratori, lettori di DVD, computer oppure lavagne luminose.Nelle reti di computer e in Internet si possono attivare delle videoconferenze tra utenti interconnessi tramite trasmissione dati a pacchetti, con protocollo TCP/IP. Quando si trasmette la voce si parla di VOIP (Voice Over IP, voce su reti di computer TCP/IP).Per i personal computer esistono anche appositi programmi che controllano webcam, microfono e casse acustiche collegati all'unità centrale, per trasmettere e ricevere segnali audio-video tra macchine connesse in rete locale o geografica. In Internet, il principale problema da superare è quello della banda passante e, quindi, della velocità con cui arrivano i pacchetti di dati, per garantire una comunicazione sonora intellegibile e immagini che non procedano a scatti.Per le connessioni di questo tipo, il principale protocollo di riferimento è l'H.323, che è stato approvato nel giugno 1996 dall'ITU (International Telecommunications Union): è stato il primo standard rilasciato per conseguire l'interoperabilità tra apparecchiature e programmi di diversi produttori, destinato alle videoconferenze su reti di computer che non riescono a garantire un ritardo costante tra un qualsiasi pacchetto di dati e quello successivo.

Media


Non sono presenti media correlati