Questo sito contribuisce alla audience di

wàttmetro

sm. [watt+-metro]. Strumento elettrico per la misurazione della potenza attiva assorbita da circuiti in corrente continua e alternata. I più diffusi sono i wattmetri elettrodinamici derivati dall'elettrodinamometro. La bobina fissa (bobina amperometrica) è percorsa dalla corrente del circuito su cui si effettua la misurazione, o da una corrente a essa proporzionale; la bobina mobile (bobina voltmetrica) è percorsa da una corrente proporzionale alla tensione esistente tra i conduttori del circuito e in fase con essa. Si può dimostrare che, in queste condizioni, l'indicazione dello strumento è proporzionale al valore della potenza attiva. I wattmetri elettrodinamici possono essere impiegati sia in corrente alternata sia in corrente continua. Nel campo delle misure industriali in corrente alternata, vengono spesso usati, soprattutto come strumenti da quadro, wattmetri a induzione. Sono strumenti simili ai corrispondenti contatori di energia, dai quali differiscono per il fatto che la coppia antagonista, che si oppone alla coppia motrice, proporzionale alla potenza, è fornita da un sistema di molle. L'indicazione della potenza viene fornita da un indice mobile su una scala graduata. Di uso meno frequente sono i wattmetri elettrostatici, derivati dall'elettrometro a quadranti, e i wattmetri tecnici. Questi ultimi, impiegati soprattutto in circuiti che operano con frequenze elevate, sono basati sul riscaldamento di due termocoppie, in relazione ai valori della tensione e della intensità di corrente agenti nel circuito. Per misure in sistemi trifasi possono essere impiegati wattmetri trifasi, sia elettrodinamici sia a induzione. I wattmetri a tre equipaggi "Vedi wattmetro a tre equipaggi vol. 22, pag. 462" "Per lo schema di wattmetro a tre equipaggi vedi il lemma del 20° volume." sono costituiti essenzialmente dall'insieme di tre wattmetri monofasi aventi gli equipaggi mobili solidali (o un solo equipaggio mobile comune) e consentono di misurare la potenza in sistemi trifasi a quattro fili; quelli a due equipaggi "Vedi wattmetro a due equipaggi vol. 22, pag. 462" "Per lo schema di wattmetro a due equipaggi vedi il lemma del 20° volume." sono l'insieme di due wattmetri monofasi collegati in modo da realizzare l'inserzione Aron e possono essere impiegati in sistemi a tre fili.