Questo sito contribuisce alla audience di

yazada

termine usato nell'Avestā e nel mazdeismo in genere per indicare le entità a cui è lecito eseguire un “sacrificio” (yasna), senza venir meno per questo all'ideologia monoteistica. Vale a dire: la venerazione di uno yazada non comporta menomazione del culto del dio unico Ahura Mazdā, in quanto è lo stesso Ahura Mazdā che ha deciso così, e quindi ogni volta che si venera uno yazada si venera anche la volontà del dio. Tra gli yazada sono compresi dei dell'antica tradizione indo-iranica ed elementi della natura. Da un punto di vista naturistico si distinguono yazada celesti e terrestri; tra gli yazada celesti figura lo stesso Ahura Mazdā e tra gli yazada terrestri Zarathustra, il fondatore e profeta del mazdeismo.

Media


Non sono presenti media correlati