Questo sito contribuisce alla audience di

Vedova nera

default

NOME ITALIANO: Vedova nera

SPECIE: Latrodectus mactans

LUNGHEZZA: 8-40 mm

DISTRIBUZIONE: Americhe

PHYLUM: Artropodi

CLASSE: Invertebrati

ORDINE: Aranei

FAMIGLIA: Terididi

GENERE: Latrodectus

Presente nelle zone aride dagli Stati Uniti all’America Meridionale, principalmente nelle fasce tropicali, la vedova nera è considerata uno dei ragni più velenosi al mondo: il suo morso non è molto doloroso, ma è necessario l’antidoto per neutralizzare gli effetti, altrimenti mortali, del veleno che inietta. Sono le femmine a essere pericolose; più grandi dei maschi, hanno livrea nera, con una macchia rossa a forma di clessidra. I maschi si distinguono per le minori dimensioni e per il colore arancione. Abile predatrice dalle abitudini notturne, la vedova nera cattura le proprie prede – insetti e altri aracnidi – per mezzo della ragnatela che tesse all’imbocco della propria tana: una volta che la vittima è intrappolata le inietta il veleno letale. La fama e il nome comune di questo ragno si devono al comportamento che contraddistingue le femmine: terminato l’accoppiamento a volte uccidono e divorano il compagno. La gestazione dura circa un mese, trascorso il quale la femmina depone le uova e le racchiude con la propria tela proteggendole fino alla schiusa, che avviene dopo circa 20 giorni.

Scopri le risorse di Sapere.it!

Enciclopedia: dall'esperienza De Agostini oltre 185.000 lemmi per soddisfare la tua voglia di conoscenza.
Dizionari: per trovare la definizione di una parola o per tradurla in nove lingue diverse.
Medicina e salute: una sezione dedicata al benessere ed alla cura del corpo.
Sicuro di Sapere: idee, spunti,e utili strumenti per allenare la tua conoscenza... divertendoti!
Quiz: per mettere alla prova la tua conoscenza, sfidare gli altri utenti e raggiungere la prima posizione della classifica
Domande e risposte: tutte le risposte alle tue curiosità!
Pillole di Sapere: approfondimenti e news per essere sempre sulla notizia.

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!