Questo sito contribuisce alla audience di

Cannareccione

Acrocephalus arundinaceus

NOME ITALIANO: Cannareccione

SPECIE: Acrocephalus arundinaceus

LUNGHEZZA: 19-20 cm

DISTRIBUZIONE: Eurasia, Africa nordoccidentale

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Uccelli

ORDINE: Passeriformi

FAMIGLIA: Silvidi

GENERE: Acrocephalus

Migratore a lungo raggio, il cannareccione è presente in Eurasia e Africa nordoccidentale, senza superare verso nord il 55° parallelo; sverna nell’Africa subsahariana. Frequenta aree con canneti intercalati a specchi d’acqua liberi, fiumi, canali, laghi e torbiere. Più grande delle altre specie di Acrocephalus, ha le parti superiori bruno-rossicce, quelle inferiori biancastre e i fianchi fulvi; il sopracciglio è chiaro e sottile. Si nutre di insetti, ragni e chiocciole, che cattura tra le canne, nel mezzo degli arbusti o sul pelo dell’acqua; in autunno non disdegna frutti e bacche. È agile nell’arrampicarsi e nel districarsi nel fitto del canneto, ma è un modesto volatore. Il canto, emesso dalla sommità di uno stelo, è potente, ripetitivo e gracchiato. In maggio il cannareccione depone nel nido ancorato a 3-5 canne, compatto e molto profondo, 3-6 uova blu-verdastre macchiate di scuro, che si schiudono dopo 2 settimane.

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!