Questo sito contribuisce alla audience di

Corvo imperiale

Corvus corax

NOME ITALIANO: Corvo imperiale

SPECIE: Corvus corax

LUNGHEZZA: 60-65 cm

DISTRIBUZIONE: Eurasia, Nordafrica, America centrosettentrionale

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Uccelli

ORDINE: Passeriformi

FAMIGLIA: Corvidi

GENERE: Corvus

Il corvo imperiale è una specie sedentaria ad ampia distribuzione che vive in Eurasia, Nordafrica, America centrosettentrionale e Groenlandia; in Italia nidifica nelle regioni montane e nelle isole maggiori. Frequenta gli ambienti rupestri, ma non è legato a particolari fasce altitudinali, e si trova indifferentemente tanto sulle pareti alpine quanto sulle falesie costiere. Nell’aspetto generale assomiglia al corvo, di cui però è notevolmente più grande: il piumaggio è nero con riflessi violetti o porporini, il becco è robusto e ricoperto alla base di penne ispide, la coda ha forma di cuneo e le ali sono lunghe e ampie. L’apertura alare misura 1,2-1,5 metri e il volo è possente e rettilineo, alternato a volteggi e picchiate. Il richiamo, di tonalità bassa e rauca, si ode a grande distanza. Onnivoro, il corvo imperiale ricerca il cibo anche a grande distanza dal nido: si nutre di insetti, piccoli vertebrati, frutti, carcasse e rifiuti. Le coppie sono spiccatamente territoriali e restano unite per tutta la vita. Il legame si fa più stretto alla fine dell’inverno, quando i corvi imperiali si esibiscono in voli nuziali nei quali maschio e femmina si lasciano cadere in aria e si riuniscono afferrandosi le zampe. Da gennaio in avanti la femmina depone 4-6 uova azzurre con macchie brune, che cova per circa 3 settimane; i piccoli abbandonano il nido a 4-6 settimane. Più piccolo del corvo imperiale è il corvo dalla nuca bianca (Corvus albicollis), che vive in Africa sudorientale. A distribuzione africana è anche Corvus capensis. Il corvo americano (Corvus brachyrhynchos) è presente invece dall’Alaska al Messico. Tra le specie a rischio di estinzione si annoverano Corvus kubaryi (la cui sopravvivenza è minacciata dalla predazione delle uova da parte del serpente Boiga irregularis e dalla riduzione dell’habitat) e Corvus torquatus (in pericolo a causa dell’uso di pesticidi).

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!