Questo sito contribuisce alla audience di

Cuculo eurasiatico

Cuculus canorus

NOME ITALIANO: Cuculo eurasiatico

SPECIE: Cuculus canorus

LUNGHEZZA: 30-35 cm

DISTRIBUZIONE: Eurasia, Nordafrica

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Uccelli

ORDINE: Cuculiformi

FAMIGLIA: Cuculidi

GENERE: Cuculus

Detto anche cuculo comune, e familiarmente cuccù o cucù, il cuculo eurasiatico è un migratore presente in Eurasia e in Africa settentrionale, dove nidifica dopo avere svernato nell’Africa meridionale. Si adatta a molti ambienti, ma predilige quelli boschivi di pianura e di montagna fino a 1200 metri di altitudine; ama le zone umide con canne palustri. Ha le dimensioni di un colombo: è lungo 30-35 centimetri, ha un’apertura alare di 55-60 centimetri e pesa 70-160 grammi. Presenta forma slanciata con lunga coda, becco leggermente ricurvo, ali lunghe e appuntite, zampe corte con 2 dita rivolte in avanti e 2 indietro, ma con un dito posteriore che si può rivolgere in avanti. Il piumaggio è grigio cenerino nella parte superiore (nella femmina può essere rossiccio); nella parte inferiore è più chiaro con strisce trasversali scure. Per lo più solitario e arboricolo, il cuculo eurasiatico ama nascondersi nel fogliame, emettendo ogni tanto il suo tipico richiamo (cu-cu). Si nutre di insetti ed è considerato un animale utile, perché distrugge molti insetti nocivi, per esempio i bruchi della processionaria che danneggiano gravemente i boschi di conifere. Si riproduce in brughiere, canneti e ai margini dei boschi, dove pratica il parassitismo di cova, comportamento che consiste nel deporre le uova nei nidi di altri uccelli più piccoli e lasciarle covare dagli “ospiti”.

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!