Questo sito contribuisce alla audience di

Fenicottero

Phoenicopterus roseus

NOME ITALIANO: Fenicottero

SPECIE: Phoenicopterus roseus

LUNGHEZZA: 1,2-1,4 m

DISTRIBUZIONE: Eurasia, Africa

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Uccelli

ORDINE: Fenicotteriformi

FAMIGLIA: Fenicotteridi

GENERE: Phoenicopterus

Il fenicottero è una specie migratrice e parzialmente sedentaria presente in poche località dell’Eurasia e dell’Africa; ecologicamente molto esigente, nidifica in acque salmastre indisturbate, poco profonde e con isolotti. In Italia è svernante e nidificante in Sardegna, Puglia ed Emilia Romagna. È inconfondibile per la colorazione bianca soffusa di rosa, soprattutto sulle copritrici alari, la cui tinta intensa contrasta con le remiganti nere; rosee sono anche le lunghissime zampe. Il becco, internamente rivestito di lamelle, è curvo verso il basso. L’apertura alare è di 1,4-1,6 metri. Il fenicottero prende il volo con una rumorosa rincorsa nell’acqua, e durante il volo tiene il collo e le zampe distesi e leggermente pendenti; i suoi richiami ricordano quelli delle oche e le note di una tromba. Spiccatamente gregario, è molto sensibile al disturbo durante la nidificazione, per cui abbandona le colonie con estrema facilità; nelle colonie i singolari nidi di fango a forma di cono distano circa 30 centimetri l’uno dall’altro. Il fenicottero si nutre di organismi acquatici, che ricerca camminando lentamente nell’acqua fangosa e filtra immergendo di quando in quando il becco o l’intero capo. In maggio depone un unico uovo, che si schiude dopo 28-31 giorni di incubazione, cui provvedono entrambi i genitori.

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!