Questo sito contribuisce alla audience di

Tordo bottaccio

Turdus philomelos

NOME ITALIANO: Tordo bottaccio

SPECIE: Turdus philomelos

LUNGHEZZA: 22-24 cm

DISTRIBUZIONE: Eurasia

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Uccelli

ORDINE: Passeriformi

FAMIGLIA: Turdidi

GENERE: Turdus

Il tordo bottaccio è una specie migratrice e sedentaria presente in Eurasia; sverna nel bacino del Mediterraneo e nell’Africa settentrionale. Frequenta boschi sia di latifoglie sia di conifere, purché ricche di radure erbose, dal livello del mare alle montagne. Durante lo svernamento si può osservare anche in campagne alberate, oliveti e vigneti. Il piumaggio è bruno-oliva di sopra e bianco crema di sotto, con striature che partono dalla gola e si estendono, in forma di macchie allungate, sul petto e sui fianchi; il ventre è bianco. L’apertura alare è di 33-36 centimetri. La dieta è sia vegetale sia animale. I nidi del tordo bottaccio, costruiti su alberi o cespugli, sono compatti e foggiati a scodella, con le pareti interne cementate con saliva impastata con trucioli di legno e terra. In marzo i maschi emettono sonori e melodiosi canti nuziali (philomelos in greco significa “amico della musica”) e compiono parate intorno alle femmine. Le uova, di colore turchese intenso macchiate di scuro, sono 3-5; la cova dura circa 13 giorni; i piccoli lasciano il nido a 11-17 giorni.

Sapere.it consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!