Cerca nei dizionari di lingua italiana

proprio

, pop. propio, agg. [f. -a; pl.m. -ri, f. -rie] 1 che appartiene in maniera caratteristica o particolare a una persona, a una cosa, a un gruppo; tipico, peculiare: la dolcezza è propria del suo carattere; il linguaggio è proprio soltanto dell’uomo 2 ( gramm.) si dice di nome con cui si indica un singolo individuo o una singola cosa (p.e. Luigi, Adige, Firenze) 3 ( estens.) che esprime esattamente ciò che si desidera dire: parola, locuzione propria | senso proprio, significato primo, letterale di una parola, in opposizione ai significati derivati o figurati | con valore più generico, come rafforzativo dell’aggettivo vero: questo è un vero e proprio furto; questa è sfortuna vera e propria 4 ( antiq.) decoroso, garbato, elegante: maniere molto proprie ¨ avv. 1 veramente, davvero; precisamente: è un lavoro fatto proprio bene; sei proprio alto; sto proprio meglio; sono proprio quelle che voglio; è arrivato proprio adesso | sì, per l’appunto (come risposta affermativa): «Siete stati voi?» «Proprio» 2 assolutamente, affatto (come rafforzativo di una negazione): non ho proprio sonno; non è proprio vero!; non ne sapevo proprio nulla ¨ agg. poss. [f. -a; pl.m. -ri, f. -rie] 1 che appartiene solamente a una persona o a delle persone e non ad altri; di lui, di lei, di loro (può sostituire suo e loro riferendosi al soggetto della proposizione, spec. quando il soggetto è un pron. indef.; è d’obbligo nelle prop. con soggetto impers.): rimettete le cose ciascuna al proprio posto; ciascuno arriverà con i propri mezzi; è uno che si fida troppo della propria memoria; bisogna ascoltare la propria coscienza; non si deve essere troppo indulgenti con le proprie colpe; in casa propria si può fare ciò che si vuole | Anche con valore di pron.: vedendo che non trovava la penna gli offrì la propria 2 come rafforzativo degli aggettivi possessivi: l’ho visto con i miei propri occhi | sue proprie mani, formula (di solito abbreviata in S.P.M.) che si scrive sulla busta di una lettera per sottolinearne il carattere riservato, per cui si desidera che sia consegnata direttamente al destinatario ¨ n.m. [pl. -ri] 1 ciò che è proprietà di qualcuno: rimetterci del proprio | lavorare in proprio, senza essere alle dipendenze di nessuno | rispondere di qualcosa in proprio, personalmente, assumendosi tutta la responsabilità 2 ( rar.) ciò che è peculiare, caratteristico di qualcuno o di qualcosa 3 ( filos.) nella logica aristotelica, carattere o insieme di caratteri appartenenti a tutti gli esseri di una classe e a essi soli 4 ( lit.) ogni elemento della preghiera della messa o dell’ufficio divino che appartiene alla liturgia di un giorno e completa quindi quotidianamente le parti ordinarie e comuni

Dal lat. propriu(m), che è dalla loc. pro privo ‘a titolo privato’.

Nota d'uso

· L’aggettivo proprio può sostituire l’aggettivo possessivo di terza persona singolare o plurale (suo, sua, suoi, sue, loro) quando si riferisce al soggetto della frase (Luca vide quella scena con i propri occhi), soprattutto per evitare equivoci (Giovanna vide Mario con i propri genitori, cioè “con i genitori di Giovanna”; dicendo vide Mario con i suoi genitori si potrebbe anche pensare ai genitori di Mario); inoltre si usa quando il soggetto manca o è indefinito o implicito (amare i propri genitori).

Rubrica sinonimi

agg.1 Sin. tipico, peculiare, caratteristico, distintivo, specifico, particolare 2 (gramm.; di nome) Contr. comune 3 (di linguaggio, parola e sim.) Sin. appropriato, preciso, calzante, adatto, adeguato, idoneo, confacente, opportuno Contr. improprio, impreciso, inadatto, inadeguato, inopportuno 4 (di significato, senso) Sin. letterale, stretto Contr. figurato, traslato, estensivo, lato, ampio 5 (antiq.; di modi e sim.) Sin. decoroso, garbato, elegante, distinto, dignitoso, civile, conveniente Contr. indecoroso, sgarbato, inelegante, inicivile, sconveniente ¨ avv.1 Sin. veramente, davvero; precisamente, esattamente 2 (come risposta affermativa) Sin. sì, esatto, per l’appunto, appunto, giust’appunto, certamente 3 (come rafforzativo di una negazione) Sin. affatto, assolutamente, per niente, per nulla, minimamente ¨ agg. poss. Sin. suo; loro.

Ultimi termini visitati

loading

Sapere consiglia..

Segui Sapere su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!

DeAbyDay.tv

Guide e video consigli per imparare a fare quasi tutto!