Questo sito contribuisce alla audience di

alimentazione enterale

tipo di alimentazione artificiale che si effettua introducendo un sondino nello stomaco, se quest'organo è utilizzabile e si prevede una durata del trattamento inferiore alle sei settimane; altrimenti si spingerà la sonda nel duodeno; nel caso vi siano ostruzioni (per esempio, tumorali) non superabili, si può operare una gastrostomia o una duodenostomia, utilizzando l'apertura per introdurre la sonda. L'alimentazione enterale si avvale di soluzioni apposite, prodotte dall'industria farmaceutica o talvolta dai servizi di dietologia degli ospedali, già bilanciate quanto a valore nutritivo, e arricchite di vitamine e sali minerali: l'unico inconveniente può essere causato dall'elevata osmolarità della soluzione, con possibile comparsa di sindrome di dumping e di diarrea. L'impiego di pompe per infusione e la disponibilità di formulazioni diverse (per esempio, iper- o normoproteiche) permettono di adattare questo tipo di alimentazione al singolo malato e alla sua patologia. Un'ulteriore possibilità è offerta dall'utilizzo di soluzioni elementari, contenenti solo aminoacidi, glicidi e lipidi semplici: questa variante di alimentazione enterale si usa nella terapia del morbo di Crohn, ottenento sovente risultati di rilievo circa la remissione della malattia.
In Italia si è aperta una polemica a proposito della nutrizione enterale dei pazienti in stato di coma irreversibile, specie in riferimento a clamorosi casi nel 2008-2009. La Chiesa cattolica, con l'adesione di settori politici e del mondo sanitario, tende a sostenere che la nutrizione enterale non può definirsi una tecnica medico-terapeutica e quindi essere considerata strumento di accanimento terapeutico; va perciò negato il diritto del malato (o dei suoi legittimi tutori in caso di privazione della coscienza) di rifiutare l'alimentazione e l'idratazione artificiali mediante sonde enterali. Questo punto di vista viene però contestato da più parti dal punto di vista sia medico, sia del diritto della persona.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi