Questo sito contribuisce alla audience di

vitamina A

(o retinolo, o axeroftolo), vitamina liposolubile. Si trova nelle percentuali più elevate negli oli di fegato di pesce; fra gli alimenti, il valore più alto si trova nel fegato di animali, mentre buoni quantitativi si hanno nel tuorlo d'uovo, nel burro, nel latte e nella panna, nelle carote e nei pomodori maturi. Nei vegetali si trovano, associati alla clorofilla, i suoi precursori, cioè i carotenoidi, pigmenti di colore giallo-rosso che vengono trasformati in vitamina A nell'intestino. Dall'intestino la vitamina A viene trasportata al fegato, dove si accumula. Dal fegato può raggiungere i tessuti e gli organi legata a una proteina specifica. La vitamina A svolge una funzione specifica nel processo della visione al buio e ha un'azione protettiva delle mucose e degli epiteli in genere: è fondamentale per l'accrescimento delle ossa e dei denti. Si pensava potesse essere efficace nella prevenzione del tumore polmonare e dell'infarto, ma ripetuti studi non hanno confermato queste speranze. La vitamina A e i carotenoidi sono resistenti alla cottura, ma sensibili alla luce e all'ossigeno; perciò gli alimenti che ne sono ricchi non devono essere conservati all'aria o alla luce del giorno. Il bisogno di vitamina A è ampiamente soddisfatto nella specie umana se l'alimentazione comprende latte, burro, uova, frutta e verdure ricche di carotenoidi (carote, pomodori, albicocche, pesche, arance). La carenza di vitamina A è causata da prolungata privazione alimentare o da sindromi di malassorbimento (morbo celiaco, colestasi, cirrosi epatica, fibrosi cistica), e ha come conseguenze diminuzione della visione in scarsità di luce (emeralopia), pelle rugosa, ridotto accrescimento nei bambini, aumentata tendenza alle infezioni, secchezza e ulcerazione della cornea. Un'eccessiva assunzione (per esempio, per ingestione accidentale di preparazioni farmaceutiche contenenti vitamina A ) causa irritabilità, nausea, vomito, aumento della pressione endocranica, desquamazione cutanea.

Media

La vitamina A.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi