Questo sito contribuisce alla audience di

intestino corto, sìndrome da

quadro di malassorbimento, e conseguente denutrizione, causato da estese asportazioni chirurgiche o esclusioni funzionali dell'intestino tenue. Le condizioni che portano più frequentemente a un intervento sul tenue sono: nel bambino, l'atresia, il volvolo, l'invaginazione, il megacolon congenito associato a difetti d'innervazione del piccolo intestino; nell'adulto, l'infarto intestinale, lo strozzamento di ernie, le lesioni dell'arteria mesenterica superiore, il morbo di Crohn, i tumori (specie i linfomi). Assume grande importanza la parte di intestino asportata (o esclusa): l'assenza del duodeno o di gran parte del digiuno è in genere ben tollerata; mentre la perdita dell'ileo (specie della valvola ileocecale e dell'ileo terminale) produce notevoli disturbi. Nel periodo postoperatorio, il più critico, si hanno molte scariche di diarrea al giorno, con profuse perdite di sali minerali, acqua, lipidi, proteine, zuccheri e vitamine. A causa di questo stato si assiste a un cospicuo calo di peso, con astenia, anemia e ipoproteinemia. Nella fase di adattamento (di durata variabile, ma legata alla lunghezza del tratto intestinale mancante) la diarrea si riduce, anche se ogni errore alimentare ne causa un peggioramento, il peso tende a stabilizzarsi, nonostante l'eventuale comparsa di problemi epatici (vedi anche by-pass digiuno-ileale). Nell'arco di 6-24 mesi la situazione si normalizza, con risalita del peso corporeo e dei dati ematologici, defecazione con feci sempre più solide. La prognosi della sìndrome da intestino corto varia in conseguenza della malattia che ha portato all'intervento; nel caso di morbo di Crohn la mortalità è intorno al 15%, ma sale al 20% nell'infarto intestinale.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi