Questo sito contribuisce alla audience di

andrògeni

ormoni steroidei derivati dal nucleo della struttura del colesterolo. Sono prodotti dalle gonadi e dalle ghiandole surrenali. In particolare, nell'uomo vengono sintetizzati in grande quantità dalle cellule interstiziali di Leydig del testicolo, mentre nella donna sono prodotti dalle cellule della teca e dello stroma ovarico (e in gravidanza dalla placenta), dove costituiscono il substrato chimico per la sintesi degli estrogeni da parte delle cellule della granulosa ovarica. Circolano nel sangue, sia legati a una globulina prodotta dal fegato detta SHBG (Sex Hormone Binding Globuline), sia liberi; la frazione libera è quella attiva. Sono metabolizzati e resi idrosolubili dal fegato; successivamente vengono escreti per via renale. I principali andrògeni naturali sono: il testosterone, il diidrotestosterone, l'androstenedione, l'androsterone e il deidroepiandrosterone (o DHEA). Le principali funzioni degli andrògeni consistono nei processi di differenziazione sessuale dell'individuo. Nel sesso maschile orientano, nel periodo fetale, la differenziazione del testicolo e di tutto l'apparato genitale; alla pubertà determinano la maturazione delle gonadi e lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari (barba, distribuzione dei peli, timbro della voce e muscolatura) e li mantengono durante tutta la vita adulta; stimolano la produzione e la maturazione delle cellule germinali maschili; hanno effetto anabolizzante, particolarmente sul tessuto muscolare e sulle cellule del sangue, tramite l'attivazione della sintesi proteica; determinano l'accrescimento scheletrico e la successiva ossificazione delle cartilagini. Gli andrògeni inoltre influenzano il comportamento e l'atteggiamento psicologico del soggetto. Le malattie da alterata secrezione di andrògeni hanno manifestazioni diverse a seconda dell'età di insorgenza: per esempio, la carenza di andrògeni determina nel maschio adulto impotenza, sterilità e regressione dei caratteri sessuali; un loro eccesso causa in età infantile pubertà precoce e nella donna segni di virilizzazione. In terapia vengono usati andrògeni di sintesi, più attivi e stabili, per l'ipogonadismo maschile, il criptorchidismo, l'impotenza sessuale, l'osteoporosi, il carcinoma mammario e gli stati di debilitazione organica.

Media

Ormoni surrenali.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi