Questo sito contribuisce alla audience di

contraccettivi

(o anticoncezionali), farmaci, metodi o dispositivi utilizzati dall'uomo, dalla donna o da entrambi per prevenire il concepimento durante il coito. Il contraccettivo ideale deve soddisfare i requisiti di sicurezza, innocuità, reversibilità e accettabilità. Nella nostra società il ricorso ai contraccettivi permette l'autodeterminazione responsabile del concepimento da parte della donna o della coppia. La scelta del tipo di contraccettivi implica un controllo attivo della propria fecondità. La ricerca in campo contraccettivo maschile è molto meno avanzata che in quello femminile: non si è ancora riusciti a inibire la spermatogenesi senza compromettere la potenza sessuale. La cosiddetta "pillola del giorno dopo" non è da considerare un contraccettivo, ma un abortivo (vedi anche intercezione).
Dall'autunno 2009 è commercializzata in Francia, Germania e Regno Unito una “pillola del dopodomani”, basata sugli stessi principi della pillola del giorno dopo, ma efficace fino a 5 giorni dal rapporto a rischio.
L'efficacia dei contraccettivi è misurata dall'indice di Pearl, che indica il numero di gravidanze in un anno su 100 donne che usino quel singolo contraccettivo. L'indice di Pearl è tanto più basso quanto minore è il rischio (R) di gravidanza del metodo considerato. Il contraccettivo ideale dovrebbe avere R = 0, cioè un'efficacia del 100%; in realtà anche senza contraccezione R non è mai 100, ma è circa 80 a causa di fattori di infertilità naturali, e a tale valore va paragonato. Ultima arrivata è la pillola che si assume per 91 giorni consecutivi e prevede pertanto solo 4 cicli mestruali all'anno, come suggerisce il nome commerciale anglosassone "Seasonal", cioè stagionale. Sul mercato dall'ottobre 2003, sembra offrire le stesse garanzie di tollerabilità e di efficacia anticoncezionale della comune piccola "mensile".

Nonostante l’evoluzione della ricerca, l'uso della contraccezione in Italia è decisamente arretrato. Un'indagine del 2009 condotta dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia ha indagato i comportamenti dei giovani tra i 15 e i 21 anni. In media 3 giovani su 4 non usano protezione nei rapporti sessuali. Scarsa è anche l'informazione sui metodi anticoncezionali: in media se ne conoscono solo tre; risulta che lo 0,3% delle adolescenti italiane possiede una consistente educazione sessuale, il 26,5% ne ha un'infarinatura, il 72,9% ha un'educazione decisamente insufficiente.

Media

Prevenzione e contraccezione: il profilattico.Metodi contraccettivi: la spirale.Rilevazione della temperatura basale.
Come utilizzare il profilattico.Indice di efficacia dei contraccettivi.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi