Questo sito contribuisce alla audience di

rètina

terza tunica dell'occhio, di natura nervosa, che si estende dal nervo ottico, di cui rappresenta l'espansione terminale, all'orifizio pupillare. Presenta: una porzione posteriore a contatto con la coroide, o rètina propriamente detta, in cui sono contenuti i fotorecettori; una porzione media ciliare; una porzione anteriore iridea. La rètina propriamente detta appare come una membranella sottile, facilmente lacerabile e trasparente. All'esame istologico risulta costituita essenzialmente da due foglietti fondamentali: uno esterno monostratificato e pigmentato, uno interno pluristratificato, che forma lo strato nervoso della rètina. In quest'ultimo si distinguono nove strati disposti in piani concentrici: il più esterno di questi è lo strato dei fotorecettori, detti coni e bastoncelli per la caratteristica forma delle cellule nervose di cui sono composti. La rètina è provvista di un'abbondante irrorazione interna. Il sangue arterioso proviene quasi completamente attraverso l'arteria centrale (ramo dell'arteria oftalmica) che, a livello della papilla ottica, si suddivide nei suoi rami. Le vene seguono grosso modo le arterie solo nei tronchi principali e sboccano nella vena centrale a livello della papilla. La rètina è sprovvista di vasi linfatici propriamente detti.

Media

La macula lutea al microscopio.Retina dell'occhio al microscopio. Esempio di fluorangiografia retinica.
Malattie della retina.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi