Questo sito contribuisce alla audience di

Reye, sìndrome di

malattia caratterizzata da encefalopatia acuta e degenerazione degli organi interni; spesso insorge dopo alcune infezione virali acute (varicella, influenza, coxsackie, ecovirus). L'origine non è conosciuta, ma sono stati chiamati in causa deficit enzimatici, fattori tossici, infezioni virali, ma soprattutto l'assunzione di farmaci (acido acetilsalicilico). È di solito riscontrata in soggetti di età inferiore ai 15 anni. Il sintomo iniziale è il vomito, accompagnato da progressivo deterioramento dello stato mentale, sino al coma. Si instaurano: insufficienza epatica, insufficienza renale, ipoglicemia grave. La morte può sopravvenire per edema cerebrale, quattro o cinque giorni dopo l'esordio della malattia. L'esito dipende dalla entità e dalla velocità di insorgenza del coma, dal grado di ipertensione endocranica e di iperammoniemia causata dall'insufficienza epatica e renale. La prognosi per i sopravvissuti è buona, le recidive sono rare. Gli strumenti terapeutici prevedono la terapia di supporto e di correzione degli squilibri metabolici; per ridurre la pressione endocranica si usano mannitolo, desametasone, barbiturici. La terapia invasiva si avvale dell'uso di emodialisi o di exanguinotrasfusione: quest'ultima metodica, in particolare, sembra poter significativamente ridurre la mortalità.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi