Questo sito contribuisce alla audience di

anticoagulanti

farmaci che impediscono la coagulazione del sangue. I più importanti agiscono ostacolando l'azione della protrombina (eparina, eparinoidi); oppure interferendo con l'attività della vitamina K, indispensabile per la sintesi epatica della protrombina e degli altri fattori della coagulazione (derivati cumarinici e dell'indandione, noti anche come anticoagulanti orali). Questi farmaci sono usati soprattutto nelle malattie tromboemboliche e in particolare nell'infarto miocardico, nell'angina pectoris, nelle malattie cardioreumatiche e cerebrovascolari, nelle trombosi venose e nell'embolia polmonare, nei pazienti portatori di protesi valvolari cardiache e in genere nella profilassi delle malattie tromboemboliche. Richiedono un attento controllo per le numerose controindicazioni e azioni collaterali, la più frequente delle quali è l'emorragia. Occorre rispettare la posologia e limitare l'assunzione di altri farmaci, in particolare di aspirina e dei FANS. Avvisare il medico ai primi segnali di emorragia (lividi e sangue nelle urine e nelle feci). Per rendere e mantenere il sangue incoagulabile per le analisi di laboratorio vengono usati soprattutto i decalcificanti del sangue (ossalati, citrati, EDTA) e le sostanze che ostacolano la formazione di trombochinasi (siliconi, paraffina).

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi