Questo sito contribuisce alla audience di

Fallot, tètrade di

(o tetralogia di), cardiopatia congenita caratterizzata da: 1) stenosi polmonare; 2) comunicazione interventricolare di ampio diametro che si avvicina a quello dell'orifizio aortico; 3) aorta a cavaliere sopra il difetto settale, destroposta sino al 75% del suo orifizio; 4) ipertrofia ventricolare destra. Costituisce il 5% delle cardiopatie congenite ed è al primo posto fra quelle cianogene. È prodotta da un unico errore embriologico: la dislocazione troppo anteriore del setto bulbare. Il sintomo cardine è la cianosi (colorito violaceo delle labbra, della pelle, delle unghie e delle mucose). Caratteristico è il deficit della crescita e la difficoltà ad affrontare gli sforzi. Dopo i primi tre mesi di vita possono comparire, in seguito al pianto o a una emozione, crisi accompagnate da perdita di coscienza. I bambini più grandi possono presentare dita a bacchetta di tamburo (ippocratismo digitale). La cianosi e l'ippocratismo digitale aumentano con il progredire dell'età, probabilmente perché la stenosi polmonare si rende via via più serrata. La dispnea da sforzo è costante anche nei pazienti non cianotici in condizioni di riposo. La tolleranza allo sforzo è scarsissima e i piccoli pazienti interrompono dopo pochi passi la deambulazione, assumendo una caratteristica posizione di accovacciamento (squatting). La diagnosi è clinica ed ecocardiografica. La prognosi è variabile in base alla gravità del difetto. Non rare complicazioni sono le embolie e le trombosi cerebrali, così come gli episodi infettivi a carico dell'endocardio (endocarditi): a questo proposito, si ricorda che i pazienti affetti da tetralogia debbono essere sottoposti a profilassi per l'endocardite batterica. La correzione del difetto è chirurgica: l'intervento dà risultati abbastanza soddisfacenti.

Media

Descrizione della tetrade di Fallot.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi