Questo sito contribuisce alla audience di

Werlhof, malattìa di

(o porpora trombocitopenica idiopatica), malattia caratterizzata da una diminuzione del numero delle piastrine circolanti, in seguito a un aumentato processo di distruzione. Esistono due forme di malattìa di Werlhof: una acuta, autolimitantesi, che colpisce l'infanzia in seguito a infezioni virali e non richiede terapia specifica; una forma cronica, che colpisce gli adulti. Quest'ultima condizione è associata alla presenza di anticorpi che legandosi alle piastrine ne determinano la distruzione. Colpisce prevalentemente soggetti di età compresa fra i 20 e i 40 anni, con maggiore incidenza fra le donne. Le manifestazioni cliniche della malattia sono dominate dalle sindromi emorragiche, da comparsa di petecchie e sanguinamenti mucosi. La piastrinopenia è costante. La terapia mira a innalzare il numero di piastrine e a normalizzare le condizioni dell'emostasi, attraverso il blocco della produzione di anticorpi antipiastrine. Nel caso che la terapia medica non migliori la situazione, si ricorre alla splenectomia.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi