Questo sito contribuisce alla audience di

fenofibrato

farmaco antilipidico, appartenente alla famiglia dei fibrati, che - inibendo la lipolisi del tessuto adiposo, aumentando l'attività delle lipasi lipoproteiche e diminuendo la sintesi di colesterolo - riduce il tasso di trigliceridi e di colesterolo nel sangue. Simile al clofibrato, può determinare disturbi intestinali, reazioni cutanee, danno epatico, potenziamento dell'attività dei dicumarolici. Deve essere assunto ai pasti. Le sue principali controindicazioni sono rappresentate da: gravidanza, insufficienza epatica e/o renale. Cautela va usata nella sua somministrazione in caso di ulcera peptica. Terapie protratte possono favorire l'insorgenza di calcolosi della colecisti.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi