Questo sito contribuisce alla audience di

sulfamìdici

farmaci chemioterapici, batteriostatici, tutti con spettro d'attività abbastanza ampio e simile. Hanno struttura simile a un enzima indispensabile al metabolismo batterico, al quale si sostituiscono bloccando il metabolismo stesso. Sono indicati nel trattamento delle infezioni intestinali e urinarie non complicate, e delle infezioni non gravi da microrganismi sensibili in altre localizzazioni. Sono classificati in vario modo, generalmente in base alla durata d'azione. Sono somministrati per via orale; l'applicazione locale è poco efficace e pericolosa, perché può determinare sensibilizzazione allergica. Possono provocare nausea, vomito, ittero, anemia, febbre. Interferiscono con antibiotici orali, difenilidantoina, fenilbutazone, salicilati, indometacina.

Media

Classificazione dei farmaci sulfamidici.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi