Questo sito contribuisce alla audience di

gastrostenosi

condizione patologica in cui si ha un restringimento del lume gastrico, fino all'occlusione. Le aree gastriche più facilmente ostruibili sono il cardias (punto di passaggio esofago-stomaco) e l'antro del piloro (zona di transizione stomaco-duodeno). Le cause possono essere funzionali, specie in presenza di infiammazioni o ulcere acute; oppure organiche, sia tumorali, sia cicatriziali, sia malformative (stenosi ipertrofica del piloro). I sintomi sono rappresentati da dolori epigastrici crampiformi, accompagnati nelle fasi avanzate da vomito a getto e calo ponderale fino alla cachessia. La terapia è: A) chirurgica: curativa, nelle forme malformative e nelle varianti da retrazione cicatriziale postulcerosa; palliativa, nei restringimenti tumorali; B) medica, nelle gastrostenosi spastiche in presenza di processi infiammatori, basandosi sull'uso di antiacidi, antistaminici anti-H2, sucralfato e omeprazolo.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi