Questo sito contribuisce alla audience di

reflusso esofageo

(o rigurgito), passaggio di contenuto dello stomaco nell'esofago. Il reflusso esofageo si verifica in modo saltuario in tutte le persone, specie nei neonati; diventa patologico quando assume una frequenza tale da superare i meccanismi di difesa posti in atto dalla mucosa esofagea. Il reflusso esofageo si verifica per cedimento dello sfintere esofageo inferiore e degli altri ostacoli anatomici posti tra stomaco ed esofago, più spesso in corso di ernia iatale, ma anche per azione di farmaci, fumo di sigaretta e gravidanza. Di solito il materiale refluito è succo gastrico acido, ma può trattarsi anche di bile: in entrambi i casi l'esofago viene in contatto con sostanze nocive. Il quadro clinico è caratterizzato da pirosi, ma spesso presenta già dall'inizio complicazioni: esofagiti, ulcere, stenosi, cicatrici o lesioni tumorali. La diagnosi viene formulata con l'endoscopia, ma viene confermata dalla misurazione del pH esofageo delle 24 ore. La terapia si basa sull'uso di inibitori della pompa protonica (omeprazolo, pantoprazolo), antistaminici H2, procinetici (metoclopramide, cisapride e baclofene), citoprotettori (sucralfato) e antiacidi (alginato e bicarbonato di sodio) nel caso di reflusso esofageo acido; il reflusso esofageo di bile richiede l'utilizzo di idrossido di alluminio, legante dei sali biliari lesivi per la mucosa, o di acido ursodesossicolico, che modifica la bile rendendola meno aggressiva. La terapia chirurgica è indicata solo nei rari casi di fallimento di ogni tentativo di terapia medica. Esistono anche norme igieniche che integrano la terapia: vanno evitati il sovrappeso, abiti e cinture strette, il fumo; la dieta deve consistere in pasti piccoli e frequenti, con riduzione al minimo dell'assunzione di grassi e di fritti (che ritardano lo svuotamento gastrico) e di alimenti irritanti e che riducono il tono dello sfintere (caffè, the, alcol, coca-cola, pomodori, agrumi, menta, cioccolata) subito prima di coricarsi. È inoltre consigliabile dormire con la testa sollevata, elevando la testata del letto di 20-25 cm.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi