Questo sito contribuisce alla audience di

salmonellosi

gruppo di malattie infettive causate da batteri appartenenti al genere Salmonella (esclusa Salmonella typhi, che provoca il tifo). Il contagio avviene mediante l'ingestione di alimenti contaminati (specialmente carni, uova e cibi precotti) o mediante il contatto diretto con i portatori, e in ambiente ospedaliero, specialmente nei reparti dei nati prematuri e in quelli pediatrici. I portatori sani sono la sorgente dell'infezione: i serbatoi, oltre che umani, sono animali (rettili, uccelli, bovini, suini, pollame), e spesso sono proprio questi ultimi a diffondere l'infezione da un paese all'altro mediante l'importazione di animali infetti o di loro prodotti o di mangimi composti da farine di carne. La salmonellosi si manifesta come una gastroenterite acuta, con diarrea, vomito, febbre, dolori addominali; ha decorso grave solo nei neonati, per i quali può essere anche mortale. La terapia è antibiotica. Importante è la prevenzione, soprattutto con la sorveglianza degli alimenti nelle varie fasi della preparazione. Non è disponibile attualmente un vaccino dato il grandissimo numero di specie appartenenti al genere Salmonella.

Media

Il paratifo è causato da una salmonella.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi