Questo sito contribuisce alla audience di

coltura battèrica

tecnica di laboratorio per moltiplicare batteri e altri microrganismi patogeni a scopo diagnostico o sperimentale; l'espressione indica anche l'insieme dei microrganismi che si sono moltiplicati in adatti terreni nutritivi.
I terreni di coltura
I terreni di coltura, che possono essere liquidi o solidi, tendono a riprodurre l'ambiente naturale in cui i batteri crescono. Il terreno liquido più utilizzato è il brodo di coltura, preparato con infuso di carne bollita, con l'aggiunta dello 0,3% di cloruro di sodio; in esso i batteri crescono producendo intorbidimento cui può seguire deposizione di masse batteriche sul fondo del recipiente. I terreni solidi si preparano, invece, solidificando il brodo per mezzo di sostanze agglutinanti (per esempio, gelatina di agar-agar); in essi i microrganismi si moltiplicano in aggregati ben definiti, che prendono il nome di colonie batteriche. La crescita in colonie permette anzitutto lo studio morfologico del batterio isolato, in quanto spesso le diverse specie di batteri danno luogo a colonie con aspetto caratteristico, il che costituisce un'utile informazione per avviare la diagnosi del batterio in questione; inoltre la colonia isolata è quasi sempre prodotta da un solo batterio ed è quindi formata dall'organizzazione di più cellule della stessa specie e con le medesime caratteristiche. Per tale ragione, quando su un terreno solido si formano colonie diverse l'una dall'altra, da ciascuna di esse si potrà ottenere una subcoltura omogenea, cioè una singola colonia potrà essere trasferita su un nuovo terreno di coltura, sul quale cresceranno batteri (identici a quelli isolati nella colonia primitiva) che costituiranno una coltura pura del batterio in esame. I primi tipi di coltura battèrica furono realizzati da Pasteur, che utilizzò diversi mezzi liquidi, tra cui l'urina sterilizzata; successivamente Koch introdusse l'impiego dei terreni solidi usando siero di sangue coagulato al calore, gelatina e infine le fibre di agar-agar. Divenne così possibile isolare le singole specie microbiche pure, partendo da materiale patologico plurimicrobico.

Media

I batteri streptococchi.La scoperta della penicillina.Descrizione dell'antibiogramma.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi