Questo sito contribuisce alla audience di

esplorazione rettale

manovra diagnostica che, mediante l'introduzione di un dito guantato nel retto, permette di valutare il tono dello sfintere anale, di escludere lesioni vegetanti nel lume rettale (polipi, tumori maligni o emorroidi interne) e, nell'uomo, di saggiare il volume e la consistenza della prostata. Estratto il dito si osserva se sono rimaste tracce di sangue sul guanto, in caso contrario assume importanza anche il colore delle feci che ricoprono il dito guantato. Si tratta di un'indagine di capitale importanza nello studio di un paziente con sospetta neoplasia al retto, alla prostata, all'utero e agli annessi perché spesso rende possibile una diagnosi precoce.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi