Questo sito contribuisce alla audience di

tifo esantematico

(o tifo epidemico), malattia infettiva acuta dovuta alla penetrazione nell'organismo di Rickettsia prowazeki, veicolata da pidocchi (Pediculus corporis o Pediculus capitis). Il pidocchio infatti, oltre a pungere la cute umana per nutrirsi, vi defeca inducendo prurito e grattamento, cosicché si creano escoriazioni che consentono a Rickettsia, presente nell'intestino del pidocchio e quindi nelle sue feci, di introdursi nell'organismo. Dopo un periodo di incubazione di 5-20 giorni si ha un esordio improvviso con cefalea, dolori articolari, vomito, febbre alta (40 °C) continua-remittente; in terza-quarta giornata compare l'esantema a piccole chiazze, che dal tronco si diffonde agli arti e diviene in breve emorragico; la febbre cade per lisi al 14° giorno, con graduale scomparsa dell'esantema, seguita da desquamazione da strofinio. La diagnosi si basa sui reperti di laboratorio (al 5° giorno di malattia positività della sierodiagnosi di Weil-Felix). La prognosi è riservata per eventuali complicazioni polmonari e cardiache, quasi sempre mortali. Per la terapia si impiegano antibiotici (tetracicline); la profilassi prevede la lotta agli insetti vettori, l'adozione di migliori condizioni igieniche, la vaccinazione contro la rickettsiosi.

Media

Il tifo esantematico.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi