Questo sito contribuisce alla audience di

biancospino

(Crataegus oxyacantha, famiglia Rosacee), pianta arbustiva; se ne usano in terapia le sommità fiorite, che contengono flavonoidi, un olio essenziale, steroli e triterpeni, per farne infusi e vari tipi di estratti (tintura madre, macerato glicolico). Il biancospino è un cardiosedativo utile nelle tachicardie, nelle palpitazioni e manifestazioni d'ansia derivanti dalla menopausa, negli squilibri neurovegetativi e nell'angina pectoris. È utile anche nell'ipertensione. È inoltre un vasodilatatore coronarico e periferico.

Media

Le proprietà del biancospino.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi