Questo sito contribuisce alla audience di

iridologìa

disciplina che basa la propria tecnica diagnostica sullo studio dell'iride dell'occhio (colore, forma e alterazioni). Si fa risalire l'origine dell'iridologìa a circa un secolo fa: ma già Indiani, Cinesi, e poi Ippocrate e Paracelso, sostenevano l'importanza dell'aspetto dell'occhio per l'indicazione dello stato di salute di un individuo. Per l'iridologìa moderna, ossia quella europea, si fa riferimento all'ungherese Ignaz von Peczely e allo svedese Nils Liljequist. Nel 1838 von Peczely, catturando una civetta, le ruppe una zampa; osservandole gli occhi, notò che in quello corrispondente all'arto ferito l'iride aveva un segno scuro, che scomparve con la guarigione completa. Da allora prese a osservare e studiare gli occhi degli animali, e giunse col tempo a formulare i fondamenti dell'iridologìa moderna. Secondo i suoi principi, essendo l'iride collegata con i sistemi cerebro-spinale e simpatico, ogni alterazione dell'equilibrio del corpo può manifestarsi con una dilatazione o una costrizione dei vasi ciliari e del muscolo irideo. Il colore di base dell'iride determina la costituzione fisica dell'individuo. Si distinguono tre grandi gruppi di costituzione, rispettivamente linfatica, ematogena e biliare; esistono anche costituzioni miste. L'individuazione della costituzione è importante per determinare il "terreno" della persona e quindi per formulare una diagnosi. I segni di alterazione, che si manifestano nella posizione, nella forma e nel colore dell'iride, sono importanti indicatori dei disturbi dell'organo o della localizzazione somatica a cui si riferiscono. Quanto alla localizzazione, si considera l'iride come il quadrante di un orologio, suddiviso in settori corrispondenti ciascuno ai vari organi (in alto, le zone relative al capo, e via via tutti gli altri organi).

Media

Spiegazione della disciplina dell'iridologia.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi