Questo sito contribuisce alla audience di

rosmarino

(Rosmarinus officinalis, famiglia Labiate), arbusto molto aromatico, conosciutissimo per l'uso culinario. In terapia si usano le foglie, che contengono flavonoidi, acido rosmarinico, acido caffeico e un olio essenziale composto da pinene, cineolo, borneolo e canfora. Il rosmarino è stimolante e tonico generale, antiastenico, antisettico, colagogo: si usano il decotto, la tintura madre o l'olio essenziale nell'insufficienza epatobiliare, nell'astenia, nell'ipotensione. È utile esternamente in frizioni, come stimolante sul cuoio capelluto e in caso di dolori reumatici.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi