Questo sito contribuisce alla audience di

tofo

deposito di urati nella cute, nella sottocute, nel derma, nelle cartilagini articolari ed extrarticolari, nelle borse sierose e nei tendini. I tofi si rilevano nel 13-17% dei casi di gotta cronica e appaiono come noduli di varia grandezza, da un grano di miglio a un'arancia, di consistenza prima molle e poi dura, di colorito bianco-giallastro. Il loro sviluppo si verifica da 3 a 42 anni dopo il primo accesso gottoso, ma inizia perlopiù entro 10-11 anni. L'entità di formazione dei tofi è direttamente proporzionale alla durata e al grado dell'iperuricemia e dell'alterazione renale. I tofi si localizzano principalmente al padiglione auricolare, ai gomiti, all'alluce, alle mani e al tendine d'Achille. Se le deposizioni tofacee sono localizzate immediatamente sotto la pelle, questa tende ad aprirsi e a liberare un liquido lattiginoso, che all'esame microscopico rivela la presenza di urato cristallino. In questi è possibile una sovrainfezione. I tofi non sono mai presenti a livello di fegato, polmone e milza e compaiono a livello del sistema nervoso centrale solo in rari casi avanzati di gotta.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi