Questo sito contribuisce alla audience di

acumetrìa

esame della funzione uditiva mediante prove con la voce e con il diapason. Le prove con la voce, afona o di conversazione, hanno valore orientativo, perché utilizzano uno stimolo sonoro variabile e dipendente da fattori esterni. Con il diapason si effettuano sei tipi di prove. La prova di Rinne stabilisce il rapporto fra la durata della percezione per via ossea e quella per via aerea, quest'ultima maggiore nell'udito normale. Nella prova di Weber, il soggetto d'udito normale o con ipoacusia bilaterale simmetrica localizza da entrambi i lati il suono del diapason posto sulla fronte o al vertice del capo. Con la prova di Schwabach si saggia la diversa durata della percezione del suono tra un soggetto d'udito normale e uno ipoacusico: in questa prova il diapason è posto al vertice del capo. Nella prova di Bonnier, invece, esso viene appoggiato in determinati punti dello scheletro e ha la stessa funzione. Con la prova di Gellé si saggia l'attenuazione di intensità sonora del diapason dopo aver compresso aria nel meato acustico esterno. Infine, la prova di Bing è basata sull'esame comparativo tra conduzione ossea relativa, a meato acustico libero, e conduzione ossea assoluta, a meato acustico occluso. Le prime tre prove sono le più utilizzate.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi