Questo sito contribuisce alla audience di

artroplàstica

intervento chirurgico su un'articolazione più o meno alterata o bloccata, con lo scopo di ripristinare una mobilità soddisfacente. L'artroplàstica si realizza separando i capi articolari, rimodellandone le superfici e interponendo fra esse un lembo di tessuto molle (lembo autoplastico, cioè di tessuto prelevato dallo stesso paziente), che si opponga al blocco dell'articolazione. Attualmente l'artroplàstica viene anche realizzata sostituendo uno o entrambi i capi articolari con protesi di resine acriliche o di vitalium (lega cobalto-cromo-molibdeno). La buona tollerabilità dei materiali impiegati ha notevolmente migliorato i risultati funzionali dell'intervento. L'artroplàstica viene consigliata nell'artrosi deformante dell'anca, in quanto permette all'articolazione una certa mobilità e domina la sindrome dolorosa, consentendo un uso pressoché normale dell'arto. Viene applicata anche in traumatologia.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi